mondodonna
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

Aglio: le sue proprietà, calorie, utilizzo in cucina

Andare in basso

Aglio: le sue proprietà, calorie, utilizzo in cucina Empty Aglio: le sue proprietà, calorie, utilizzo in cucina

Messaggio  Admin il Ven Set 28, 2018 8:10 pm

Aglio: le sue proprietà, calorie, utilizzo in cucina

Aglio: le sue proprietà, calorie, utilizzo in cucina A380

Aglio: le sue proprietà, calorie, utilizzo in cucina Propri10

Aglio: le sue proprietà, calorie, utilizzo in cucina A380

Proprietà:

L'aglio ha una reputazione medicamentosa di tutto rispetto. Ottimo per la prevenzione di influenza, malattie cutanee, raffreddori e infallibile disinfettante per l'intestino.

Uno spicchio d'aglio è serbatoio di principi attivi curativi di notevole efficacia come allicina, zolfo, vitamine del gruppo B. Ha proprietà antielmintiche contro gli ascaridi e gli ossiuri, antimucolitiche, ipotensive, espettoranti, digestive, carminative, antisettiche, ipoglicemizzanti.

È stato ormai ampiamente dimostrato il ruolo di questa pianta nella regolarizzazione della colesterolemia e dei trigliceridi e nel miglioramento del rapporto tra colesterolo LDL e colesterolo HDL, cioè tra lipoproteine cattive, che favoriscono la formazione di depositi di colesterolo nelle pareti arteriose, e lipoproteine buone, ossia quelle che funzionano come minuscoli spazza-arterie, allontanando i dannosi accumuli di colesterolo.

Può essere utile nelle infezioni croniche causate dalla Candida albicans e in quelle dell'apparato respiratorio.

All'aglio sono riconosciute anche notevoli proprietà “piccanti”: aiuterebbe infatti a mantenere una sessualità attiva e sana, essendo un cibo dalle proprietà afrodisiache, soprattutto grazie all'azione positiva che esercita sulla circolazione in generale.

Calorie:

Calorie dell'aglio Le calorie contenute nell'aglio sono 41 kcal / 171 kj per 100 g.   Valori nutrizionali dell'aglio L’aglio è un alimento ricco di principi attivi curativi molto efficaci, come allicina, zolfo, vitamine del gruppo B. In 100 g di questo prodotto troviamo: Acqua 80 g Carboidrati 8,4 g Zuccheri 8,4 g Proteine 0,9 g Grassi 0,6 g Colesterolo 0 g Fibra totale 3,1 m...



In cucina:

L’aglio può essere utilizzato sia come ingrediente di alcune ricette, come accade con il pesto genovese, sia come condimento, ad esempio per le bruschette, le insalate (soprattutto con i pomodori), soffritti, ecc.
Per poter utilizzare l’aglio in cucina occorre staccare i singoli spicchi, in quanto sono proprio questi che vengono poi adoperati.
L’aglio può essere utilizzato con differenti gradi di intensità, che verranno determinati dalla modalità di utilizzo degli spicchi stessi.
Di seguito sono riportate le principali modalità di utilizzo, che hanno un’intensità via via crescente.

Aglio in camicia o vestito: lo spicchio d’aglio viene utilizzato con tutta la pellicina che lo riveste.

Aglio spellato: lo spicchio d’aglio viene utilizzato senza la pellicina che lo riveste.

Aglio schiacciato: lo spicchio d’aglio viene spellato e schiacciato con l’apposito strumento oppure colpendolo in maniera delicata ma decisa con il dorso della mano (alternativamente potrà essere inciso con un coltello).

Aglio a fette o tritato: lo spicchio d’aglio viene spellato, poi tagliato a fettine o tritato.

Aglio senza l’anima: lo spicchio d’aglio viene tagliato a metà e viene privato dell’anima, ovvero il germoglio centrale, con l’effetto complessivo di essere anche più digeribile.

Come avrete visto, per aumentare l’intensità dell’aglio occorre inciderlo o tagliarlo, questo accade perché il suo aroma diventa più forte verso il cuore dello spicchio stesso.

L’utilizzo di una modalità piuttosto che un’altra è una scelta del tutto personale, che dipenderà oltre che ai gusti personali, dall’effetto e dal sapore complessivo che si vuole dare al piatto.

Proprietà curative:

L’aglio ha un potere terapeutico conosciuto già da millenni, per cui è utilizzato nella medicina cinese e anche ayurvetica. Certamente si tratta di un alleato della salute nei cambi di stagione, in particolare quando autunno e inverno portano con sé i primi malanni.

Scopriamo, allora, perché fa bene e come mai è considerato un antibatterico e un antibiotico naturale.

DEPURATIVO
L’aglio ha un potere detossinante e agisce da chelante, legandosi ai metalli che si depositano nel fegato e nei reni e favorendo la loro eliminazione.

ANTIBIOTICO
È un potente battericida, motivo per cui è un ottimo aiuto in caso di infezioni delle vie aeree, ad esempio in caso di catarro. Inoltre, rafforza il sistema immunitario e agisce anche da antimicotico.

ANTISETTICO
Il potere dell’aglio è molto utile anche contro le infezioni e i disturbi dell’intestino, agendo contro crampi, dissenteria e anche parassiti.

ANTITUMORALE
L’assunzione regolare di aglio sembra svolgere un’azione preventiva nei confronti dei tumori, in particolare quelli che si sviluppano a causa dell’accumulo di sostanze tossiche nella flora intestinale, motivo per cui viene generalmente inserito tra gli alimenti della dieta anticancro.

ANTIOSSIDANTE
L’aglio ha proprietà benefiche per il cuore e per tutto l’apparato cardiocircolatorio. Infatti, regola la pressione sanguigna, contrasta l’ipertensione, il diabete e il colesterolo alto.

Controindicazioni:

Aglio sistema immunitario

L’aglio è un alimento della salute, non a caso presente anche nella dieta Smartfood, tra i cibi che svolgono una funzione protettiva verso obesità e malattie croniche quali tumori, disturbi cardiocircolatori e diabete.

In cucina è possibile aggiungerlo ai sughi, strofinarlo sulle fette di pane, ma anche utilizzarlo per condire la pasta, insieme alle verdure. Per una buona conservazione, invece, i bulbi vanno tenuti in luogo fresco e ventilato.
Come abbiamo detto, per beneficiare al meglio delle proprietà terapeutiche dell’aglio andrebbe consumato crudo, come fosse un integratore, assumendone 4 grammi al giorno. Certo, le controindicazioni più note sono la pesantezza dell’alito dovuta alla liberazione dell’allicina, e le difficoltà di digestione. Tuttavia, questi fastidiosi sintomi si possono limitare eliminando la parte più interna dell’aglio e masticando un chicco di caffè o una fogliolina di menta dopo i pasti che lo contengono.

Inoltre, si può tritare ed usare come insaporitore insieme ad erbe aromatiche e olio extravergine, che aiutano ad attutirne il sapore deciso. Va inoltre considerato l’utilizzo dell’aglio sottoforma di estratto secco in capsule, per un uso fitoterapico.

DA EVITARE IN GRAVIDANZA E IN CASO DI SENSIBILITÀ INTESTINALE
Aglio in gravidanza

Per quanto l’aglio sia un alimento diffuso e sicuro, tuttavia queste non sono le uniche controindicazioni nel suo consumo. Infatti, è sconsigliato in gravidanza e allattamento, ma anche in persone con l’intestino sensibile che soffrono di gastrite o ulcera. Infine, può interagire con alcuni farmaci, per cui per ogni dubbio è sempre bene rivolgersi al proprio medico di fiducia.

Integrare l’aglio nella propria dieta, anche sperimentando piccoli “trucchi” per digerirlo meglio e limitarne il sapore deciso, è una scelta di salute che permette di beneficiare delle sue ottime proprietà antibiotiche e antibatteriche, soprattutto in autunno, quando tosse, raffreddore ed influenza sono in agguato.

Aglio: le sue proprietà, calorie, utilizzo in cucina A380
Admin
Admin
Admin

Messaggi : 2820
Data d'iscrizione : 07.02.11

https://mondodonna.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.